FOTONOTTE #4 venerdì 24 giugno 2016

FOTONOTTE #4 pratiche ecologiche del fare città venerdì 24 giugno 2016 dalle 20 alle 24 maratona notturna di fotografia 11 spazi / 13 reportage / 11 associazioni Dopo il successo di VideoNotte #3 videoperformance, la Casa dell’Arte mette nuovamente in rete i propri spazi per far partecipare la città a FotoNotte #4 pratiche ecologiche del fare città, quarta maratona notturna dedicata alla fotografia italiana e internazionale che si snoda in 11 spazi espositivi dedicati al contemporaneo disseminati nel centro storico di Trieste. L’iniziativa, che si avvale del sostegno dell’Agricola Monte San Pantaleone e de La Collina coop. soc., si sviluppa nelle sedi storiche delle 11 associazioni aderenti che coprono tutta la città e presenta 13 reportage che trattano il tema del verde in città a 30 anni dalla catastrofe nucleare di Chernobyl, analizzando le nuove tendenze e le attuali pratiche ecologiche del fare città e del rifunzionalizzare contesti urbani dimenticati o sottovalutati, partendo dalla documentazione storica delle utopiche macchine ecologiche pensate negli anni ’80 da artisti e creativi provenienti dal laboratorio permanente dell’ex-OPP di Trieste, proprio a seguito del disastro ecologico in Ucraina. Segui la piantina di Trieste con la collocazione degli spazi, iniziando liberamente da una a caso delle sedi, e colleziona almeno 10 coupon che ti verranno consegnati, ogni spazio espositivo riserverà infatti 1 gadget social della Casa dell’Arte ai primi 10 visitatori che lì avranno completato il tour di almeno 10 mostre! FotoNotte #4 è una rassegna di fotografia, ma anche una passeggiata notturna che inaugurerà contemporaneamente nelle 11 sedi con un brindisi offerto da Cittavecchia birra artigiana di Trieste per abbinare alla mostra fotografica anche una degustazione di birre d’eccellenza del nostro territorio. PROGRAMMA dalle 20 alle 24 MetroKubo, via dei Capitelli 6563b Roberto Peccianti, Fresh Trash, 2015-16, Italia, a cura di DayDreaming Project Fresh Trash Nell’edizione di FotoNotte di quest’anno ci si è interrogati sulle nuove pratiche ecologiche di fare città e sulle possibili trasformazione di contesti urbani dimenticati. Nei lavori dI Roberto Peccianti questo aspetto è fondamentale: in questi scatti infatti è stato valorizzato il lato creativo di una comune componente di scarto che diventa significativa se immersa all’interno di una cornice grafica che la riveste di nuove forme. Si è venuto così ad evidenziare un aspetto fondamentale ovvero come da semplici componenti...

EN – JOYCE DADA Mostra di Guglielmo Manenti

Associazione Culturale DaydreamingProject in collaborazione con Knulp presenta EN – JOYCE DADA Mostra di Guglielmo Manenti Knulp Via Madonna del Mare 7a Trieste 11 giugno 2016 ore 20 Presentazione di Erik Schneider: “Zurigo 1916, Joyce al Cabaret Voltaire” Performance dal vivo di Sergio Pancaldi Con la partecipazione di Ugo Pierri Set fotografico dadaista aperto al pubblico a cura di Nanni Spano Video a cura del DDproject e Fausto Vilevich Riprese e immagini di Nanni Spano Montaggio di Alessandro Bolettieri Con la collaborazione di: Aldo Vivoda (Petit Soleil), Alice Angelomè, Paola Frausin, Leonardo Stevanin, Stefano Udina. “Sara Alzetta ci ha detto che forse anche Molly Bloom parteciperà alla serata” EN – JOYCE DADA In questa mostra Manenti ci conduce attraverso i suoi fumetti e le sue illustrazioni in un viaggio semiserio che ci permette di entrare e visualizzare alcuni processi creativi dello scrittore James Joyce. Un laboratorio mentale in cui i linguaggi della vita quotidiana e la scrittura vengono smontati e analizzati per cercarne forma e ritmo. La mostra si concentra sull’attenzione di Joyce per le lingue orali legate alla vita di strada e del popolo, che lui mescola a citazioni letterarie. Si vedono alcune immagini nelle quali lui si mescola alla gente registrando frammenti di frasi trovando scene e spunti negli angoli della città meno battuti. Senza preoccuparsi di accostare linguaggi alti e bassi, lo scrittore capta questa marea di suoni, di dialetti, di frasi immaginifiche e di microstorie. Un nuovo alchimista che cerca di trasformare e di far emergere i frammenti loro che per lui devono resistere al tempo. E quando gli va bene attraverso questa dedizione totale riesce ad accedere a qualcosa che lo mette davanti al divino, a qualcosa di universale. “Joyce e il Cabaret Voltaire” Nel 1916 Joyce e famiglia si trovano a Zurigo da un anno. Essi sono lì per fuggire dalla guerra, e così per loro continua il loro perenne esilio, perché la città svizzera rimane neutra per il tutto il conflitto mondiale. Anche per questo motivo Zurigo è diventata un centro culturalmente attivo che attira tutti quegli intellettuali che per posizioni politiche ed etiche rifiutano la guerra. Lì Joyce prosegue il suo lavoro di scrittore (portando avanti il suo “Ulisse”) e quello di insegnante di lingua aiutato da diversi intellettuali che credono...

KLEINE BERLIN METAMORFOSI di Manenti e collettiva DDProject

Associazione Culturale DayDreaming Project in collaborazione con CUT, CAT, Petit Soleil, Teatro Nomade. MERCOLEDI 25 MAGGIO ore 15.30 KLEINE BERLIN Via Fabio Severo, Trieste, (di fronte al civico n. 11)METAMORFOSI Illustrazioni di Guglielmo Manenti La “favola oscura” che Guglielmo Manenti propone attraverso le sue tavole per la maggior parte in bianco e nero è un invito a spiare da vicino i cambiamenti di Gregor trasgredendo un’intimità, facendoci entrare nelle sue angosce più intime e facendoci superare quella soglia che divide una sfera interna a una esterna in un flusso di immagini che sembra sgorgare direttamente dall’angoscia del personaggio. METAMORFOSIS – Collettiva d’Arte Opere di Sebastiano Andreani, Marcus Gabriel, Guglielmo Manenti, Massimiliano Muner, Giada Sancin, Nanni Giovanni Spano, Luigi Tolotti. “Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo.” – Franz Kafka Kleine Berlin (piccola Berlino in tedesco) è il più esteso complesso di gallerie antiaeree sotterranee, risalenti alla seconda guerra mondiale, ancora esistente a Trieste. Video Famiglie nella vergogna. Regia di Sergio Pancaldi. Data la sua conformazione collinare, Trieste è percorsa da numerose gallerie antiaeree, ma il complesso della kleine Berlin è particolare per la sua ampiezza, la sua estensione, e per il fatto di essere visitabile dal pubblico. Il complesso è collocato praticamente in centro città, alla base del colle di Scorcola, e precisamente all’inizio della via Fabio Severo, di fronte al n°...

“The Fool on the Hill” mostra di Delphi Morpurgo

Associazione Culturale DayDreaming Project e Knulp presentano “The Fool on the Hill” mostra di Delphi Morpurgo inaugurazione giovedì 12 maggio 2016 ore 19 KNULP via Madonna del mare 7a Trieste a cura di Gabriele Bonato e Nanni Spano Durante la serata Delphi si esibirà in un live painting intervento musicale di Riccardo Morpurgo “The Fool on the Hill” La mostra, il cui titolo cita l’omonima canzone dei Beatles, pone in relazione la visione della pazzia e il contatto con la natura. Il rapporto dell’uomo con la natura sta diventando sempre più ambiguo e innaturale, dominato dall’idea che sia necessaria attrezzatura specifica e adatta alle passeggiate con le diverse variabili atmosferiche; e dall’idea che si debba avere paura: delle bestie selvatiche, di perdersi, di lasciare il sentiero. La naturalità sembra quindi perduta, estranea; questa dinamica fa apparire normale il patologico allontanamento e folle chi, al contrario, riesce a mantenere la spontanea complicità con l’ambiente. Le opere esposte raffigurano scorci di paesaggi, con personaggi che vagano solitari in mezzo ad essi, con espressioni strane e movimenti ridicoli, ma spontanei… e, poiché nessuno è là per poterli giudicare e definire strambi, di fatto strambi non sono. “Day after day, alone on the hill The man with the foolish grin is keeping perfectly still But nobody wants to know him They can see that he’s just a fool And he never gives an answer But the fool on the hill Sees the sun going down And the eyes in his head See the world spinning around” [The fool on the hill, Beatles]     DELPHI MORPURGO Education / Istruzione 2015 Salzburg Summer Academy con Irhina Nakhova 2013 Diploma presso Liceo artistico E.U. Nordio. Solo Exhibition / Mostre Personali 2014 “Di là dal Bosco”, CPP Art Gallery, Via Castaldi 3, Trieste. Group Exhibition / Mostre Collettive 2016 “Rituals / Riti Privati”, GACMA, Cappella Maggiore ( TV). 2015 Finalisti del premio Francesco Fabbri, Villa Brandolini, Pieve di Soligo ( TV). 2015 Finalisti del premio Combat, Museo Civico G. Fattori, Livorno. 2015 IX Salone d’autunno dell’arte Triestina, Young art selection, sala Fittke, Trieste. 2015 “Florilegio” , Double Room Arti visive, Via Canova 9, Trieste. 2014 VIII Salone d’autunno dell’arte triestina, Young art selection, sala Fittke, Trieste. 2013 VII Salone d’autunno dell’arte triestina, Ypung art selection, sala...

CRONOS mostra di Gabriele Bonato. Finissage

Associazione Culturale DayDreaming Project e Knulp presentano CRONOS mostra di Gabriele Bonato Finissage martedì 10 maggio 2016 ore 19 KNULP via Madonna del mare 7a Trieste a cura di Nanni Spano Nella serata Gabriele Bonato eseguirà una performance pittorica dal vivo.Il quadro sarà poi messo all’ asta. Bonato propone una serie di opere inedite su carta. Una sorta di diario di viaggio interiore ed esteriore dello stesso artista in cui il tempo assume un significato musicale e filosofico. Una melodia di immagini a volte celate dietro a segni apparentemente caotici. Un concerto d’immagini che nascono dalla collaborazione con il maestro Tristan Honsinger. Gabriele Bonato vive e lavora a Trieste. Inizia a dipingere molto giovane con la street art, per poi evolvere verso la pittura. Nel 2006 vince il concorso ManinFesto del Centro d’arte contemporanea di Villa Manin, con l’opera Lapis. Nel 2008 è tra i sette vincitori del premio Terna 01, e nel 2009 si qualifica tra i finalisti della seconda edizione. Grazie a questo riconoscimento ha esposto al Chelsea Art Museum di New York. Nel suo percorso artistico ha toccato la scenografia, la performance, l’installazione e l’improvvisazione. Nell’aprile del 2010 alcune sue opere sono state esposte al Museo d’arte moderna Ugo Carà di Muggia nella mostra collettiva “Unatural _nature”. Una sua opera compare nel film premio oscar “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino. Ha partecipato alle fiere d’arte di Bologna,Verona, Torino (Artissima), Karlsruhe arte moderna e contemporanea , Pulse a Miami. Info: staff@ddmagazine.it www.knulp.org...

L’ Opificio delle scritture. A cura di Marco Galati Garritto

  L’ Opificio delle scritture A cura di Marco Galati Garritto LUNEDI 9 MAGGIO ORE 20 Spazio MetroKubo Via dei Capitelli 6563b Trieste (vicino all’ Arco di Riccardo in P.zza Barbacan)   Laboratorio permanente di scritture creative, narrazioni autobiografiche e comunicazioni professionali   in collaborazione con DDProject e Knulp   La scrittura creativa crea; non solo racconti e romanzi: crea nuove possibilità di raccontare e raccontarsi, nuovi modi di abitare il mondo e di descriverlo. Forgiare nuove possibilità espressive significa disporre di nuove possibilità di rappresentazione. Significa creare un mondo nuovo. “I limiti del nostro linguaggio sono i limiti del nostro mondo” (Wittgenstein) L’ Opificio permanente delle scritture è una palestra in cui allenarsi settimanalmente e sperimentare collettivamente le potenzialità creative insite nella scrittura. Durante il corso affronteremo i temi generali della scrittura (descrizioni, costruzione dei personaggi concettuali, organizzazione delle informazioni, usi delle principali figure retoriche ecc.), via via in maniera più approfondita e individuando i vari campi e modalità di applicazioni. I testi potranno essere raccolti e pubblicati organicamente sul blog dell’associazione Gli argomenti trattati favoriranno anche la possibilità di pubblicazioni private, come accaduto per il libro “Nel cielo, le stelle” di Michele Diego.   Gli incontri si terranno ogni lunedì dalle 20 alle 22 Spazio MetroKubo Via dei Capitelli 6563b Trieste (vicino all’ Arco di Riccardo in P.zza Barbacan)   Prima lezione lunedì 9 maggio ore 20 primo incontro gratuito Info Nanni Spano 3337245244 staff@ddmagazine.it...

Il temperamatite 9

DAL 16 MARZO 2016 RITORNA A TRIESTE “IL TEMPERAMATITE” Nona edizione del corso di scrittura creativa con Corrado Premuda La voglia di scrivere, di confrontarsi con gli altri, di raccontare una storia è sempre molto forte a Trieste. Così l’associazione culturale Daydreaming Project e il bar-libreria Knulp organizzano una nuova edizione, la nona, del corso di scrittura creativa tenuto da Corrado Premuda. “Il Temperamatite”, dal 16 marzo, si terrà ogni mercoledì per dieci settimane, dalle 20.00 alle 22.00, allo spazio Metrokubo in via dei Capitelli, vicino all’arco di Riccardo. La trama, i personaggi, lo stile, la voce narrante, l’ambientazione, ma anche la revisione, la personalizzazione e l’editing: ecco alcuni degli argomenti trattati dal corso tenuto da Corrado Premuda. Scrivere è un atto creativo e insieme una questione di organizzazione. La scrittura nasce da un percorso personale e unico, che attinge all’esperienza, ai sentimenti e al pensiero di un individuo, ma poi la creatività letteraria deve inserirsi all’interno di procedimenti logici forniti di fasi e strutture. L’attività di questo corso di scrittura creativa intende analizzare la complessità del pensiero in un percorso che oscilla tra la parte intuitiva e quella razionale della mente e l’obiettivo principale è quello di offrire gli strumenti per affrontare la stesura di un testo narrativo attraverso la verifica delle fasi e degli elementi che lo costituiscono. Il laboratorio pratico prevede la stesura di una serie di testi narrativi che verranno pubblicati man mano sul sito Internet dell’associazione DayDreaming Project www.daydreamingproject.org. Corrado Premuda, scrittore e giornalista, è autore di libri di narrativa e saggistica, di testi teatrali e radiofonici e di cataloghi d’arte. Il suo ultimo libro è “Un pittore di nome Leonor” (Editoriale Scienza), il suo sito webwww.corradopremuda.com. Per informazioni sul corso e iscrizioni scrivere a staff@ddmagazine.it o telefonare al numero 3337245244.   Per informazioni sul corso e iscrizioni scrivere a staff@ddmagazine.it o telefonare al numero...