IL TEMPERAMATITE 3   incontro n.6

IL TEMPERAMATITE 3 incontro n.6

LA STANZA VUOTA

di Elena Valassi

La luce scaldava la stanza, intiepidito dal sole era quel soggiorno arredato senza gusto. Odorava di fumo di sigarette, quelle fumate il giorno prima ma che aleggiano ancora nell’aria e non vogliono essere dimenticate, perché i pensieri che si soffiano fuori con il fumo non devono essere dimenticati.

Colori, colori, ovunque arcobaleni di colore mal assortiti. Poltrone di pelle marrone con sopra cuscini blu. Foto in bianco e nero con cornici sgargianti. Tutto stonava. Il parquet frugato da mille passi, i tappeti provati da tutti gli anni passati a star lì immobili. La credenza con le piccole tazzine polverose, inutili ricordi di una vita intera.

Suoni attutiti da spesse pareti un po’ ingiallite, porte pesanti che imprigionano tutto lo spazio, sempre chiuse. Chiuse a tutto.

E quel quadro, grande ed inquietante, centro di tutto. Quegli occhi di donna che guardano in direzione del tavolo. E sempre lì hanno guardato. Tavolo di legno rovinato di più da un lato. E una sedia soltanto che trasuda tempo. Ed un altro tavolo all’angolo opposto vicino ad un divano sfondato, con sopra un mappamondo vissuto da milioni di viaggi immaginari. Sbiadito in Europa Centrale e rigato in mezzo all’Oceano Pacifico. E vicino quel portacenere sporco in cui si possono contare le indecisioni. E Michy, gatto siamese, immobile e attento. Custode di tutto quel piccolo mondo.

Share This:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »